giovedì 13 dicembre 2012

della serie "prove da expat"


"Bonjour,
Je voudrais savoir si vous avez une place disponible pour accueillir, à partir de Janvier 2013, mon fils (né le 28/03/2012).
Je vous remercie beaucoup"
 
L'email più frequente dell'ultimo periodo recita proprio così, ed è indirizzata a tutti i nidi di Bruxelles. Oddio, non proprio tutti, eh, quelli che sono raggiungibili da casa nostra.
 
Eh già abbiamo preso casa, in un quartiere molto bello - Chatelain - che sembra un po' Londra ed un po' Parigi, con quelle strade strette e i palazzetti di tre piani. Che all'angolo della strada ci trovi il fioraio, con tutti i fiori in bella mostra fuori, che anche se piove e fa freddo, tutto sembra più bello e ti senti come catapultata in un altro tempo.
 
Tanto ci piace il quartiere che abbiamo deciso di affittare un appartamento che - attenzione - stanno ultimando in questi giorni, o almeno così ci hanno promesso. Dalla piantina, però, è meravigliosa e adatta ad ospitare noi tre e chi ci vorrà venire a trovare.
 
Lo so, siamo pazzi, ma considerando che l'ultima volta siamo approdati negli USA senza un posto dove vivere (che volevano scegliere lì per lì), direi che abbiamo fatto passi da giganti. Sarà che la sola idea di sballottare il povero Cookie da una parte all'altra ha risvegliato il nostro senso di responsabilità.
 
Responsabilità che si fa ancora più solleticante quando pensiamo a come sistemare Cookie. No, perché a quanto pare a Bruxelles per entrare in un nido devi assolutamente metterti in lista quando sei al quarto mese... di gravidanza! Eh già, praticamente appena vedi le due linee rosa, la prima cosa che devi fare non è chiamare un ginecologo, bensì andare a prenotare il nido.
Assurdo quanto basta, ma così è.
 
E allora che si fa? Si continua a cercare, confidando nel fatto che Bruxelles è un porto di mare - gente che viene, bambini che vanno [via con i loro genitori].
Nel frattempo quella santa donna di E ha vinto un biglietto per Bruxelles tempo che trovo una sostituta. E questo è a posto (si fa per dire).
 
Ah, grazie ad un'amica ho trovato già la pediatra, pare che sia in procinto di andare in pesione, ma dovrei arrivare in tempo utile per vederla almeno un paio di volte e farmi indicare qualcun altro...
 
Nel frattempo, non ho fatto ancora uno scatolone.
 
Che non la stia prendendo troppo seriamente???
 

4 commenti:

  1. ahahah anche qui in Francia é così..dal 3 mese di gravidanza si deve fare la preiscrizione all'asilo..assurdo vero?!..infatti non ho trovato posto!!!!!! però qui c'é un esercito di Assistante Maternelle che son babysitter, stanno a casa loro e possono avere fino a 3 bambini..anche li nn ti dico la difficoltrà di sceglierne una.. Ti trovi una lista di nomi e poi fai colloqui e in quei 10 minuti devi capire se poter lasciarle tuo figlio o no... terribile!!! fin a quando trovi quella giusta (perche amiamo "il tutto é bene quel che finisce bene!") e allora poi l'adori ...come E! ;)

    RispondiElimina
  2. Ma lo sai che io, ma proprio io che non avrei coraggio di fare un cambiamento così drastico nella mia vita, adesso provo un po' di sana invidia per te?
    P.S. Detto da una che si prende sempre all'ultimo minuto... uno scatolone comincerei a farlo, eh!

    RispondiElimina
  3. Anche io un po' ti invidio, sai? Aria di novità, di scoperte...che bello!!!

    RispondiElimina
  4. Mi sa che ti devi sbrigare con gli scatoloni.... manca pochissimo!!! :-)

    RispondiElimina

commenti biscottosi...