mercoledì 9 gennaio 2013

frenesia

Non riesco a stare ferma, e questo compromette anche il focus sul blog. Chiedo perdono.
 
Il fatto è che mi aggiro come un leone in gabbia con annessi sospiri, momenti di lacrimuccia da stress fisico ed emotivo.
 
Sono un misto di eccitazione/tensione/preoccupazione.
 
Che cambiare vita è bello, ma porta anche risvolti pratici talvonta complicati e al di fuori della tua disponibilità.
 
L'importante è mantenere ben presente l'obiettivo: andare via preparati ed equipaggiati.
 
E noi ci stiamo preparando: io da qui sommersa dagli scatolini, il Papà già da lì, a spacchettare i mobili che sono arrivati.
 
Cookie, invece, è sottoposto alle continue e vagamente pressanti attenzioni dei Nonni che se lo litigano in vista della sua partenza.
 
Vi dico solo che si parla di orari di badanza non scritti, ma che devono essere tacitamente rispettati, se no sono reazioni che forse solo un buon ansiolitico potrebbe calmare.
 
Statemi vicine. #help
 

5 commenti:

  1. Finalmente ci dai notizie! Ti posso solo dire, tieni duro, organizzati più che puoi, e per i nonni: lasciali sfogare, d'altronde nei prox mesi lo vedranno poco.

    RispondiElimina
  2. Ti sono vicina!!!! È tieni duro....che è solo un periodo di passaggio....a breve tutto si sistemerà!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Coraggio!!! Quando tutto sarà finito e ti guarderai alle spalle, il senso di onnipotenza per quello che sei riuscita a fare ti ubriacherà;)

    RispondiElimina
  4. Lo so, é un casino all'inizio. E con dei bambini deve essere ancora più complicato, posso solo immaginarlo. Ma non ti devi preoccupare, perché dopo un po' tutto si sistemerà e allora capirai di aver fatto la scelta giusta. Buona fortuna.

    RispondiElimina

commenti biscottosi...