giovedì 22 agosto 2013

I-AMsterdam


Sì, ci siamo stati. E siamo pure ritornati alla base. Da non sottovalutare, che ho scoperto che il ritorno da Amsterdam oggi come a 18 anni non è proprio scontato.

Per ragioni diverse, certo. Mica avrete pensato male, vero?

Amsterdam, la meta della perdizione per eccellenza con i suoi coffee shop e il quartiere Red Light. Che apro e chiudo parentesi: mi è sembrato molto più dignitoso di certe scene viste nelle vie romane e brussellesi.

Amsterdam con i suoi canali e quella gente che ha tutta la mia stima, che decide di viversela proprio dall'acqua, sdraiati sui cuscinoni dei propri barchini in compagnia di amici, birra e cibo (e forse anche qualche altra cosa, ma vabbè).

Questa Amsterdam, con i suoi abitanti biondi-alti-scultorei, mi è sembrata assolutamente pericolosa. Assolutamente pericolosa da girare se non hai una bicicletta, figuriamoci con un passeggino al seguito e un nanetto e una mamma distratta, entrambi con il vizio di lanciarsi in mezzo alla pista ciclabile. No, davvero, ma vanno a tremila su quelle bici?!


Roba da farti venire ansia, che fortunatamente Amsterdam è in grado di farti passare in mille modi. Io, che non c'ho più l'età, ho puntato su quell'infuso alla menta, che poi non è altro che un bicchierone di acqua riscaldata con mezzo kilo di menta inzeppata.

credits to Zia G. on instagram @gaby_bennet
La verità è che Amsterdam è proprio bella, con quelle case strette e lunghe che affacciano direttamente sui canali, quella vitalità che sprigiona dai giovani che se la vivono, dai milioni di bar sempre pieni, dai negozietti vintage, dai mercati di fiori e bulbi che hanno conquistato anche un pollice nero come me.

Amsterdam ha quella capacità unica di risvegliare quell'animo da Peter Pan che è in noi e che a piccole dosi non ci fa sembrare né nostalgici né maliconici. E questo è un bel regalo.

12 commenti:

  1. Che bello. Sei riuscita a trasmettere chiaramente che si respira un'aria diversa che da noi. Aldilà dei problemi oggettivi, è soprattutto una questione di atteggiamento. Buon rientro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! allora si vede che mi è piaciuta, sono contenta!

      Elimina
  2. ho adorato Amsterdam... ci sono stata in un viaggio con delle amiche.... 4 per un addio al nubilato... il viaggio più folle e divertente che abbia fatto... ti dico solo che ho provato una canna senza mai aver provato prima nemmeno una sigaretta... e tutt'ora penso rimanga la mia unica esperienza col fumo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ti fa folleggiare senza esagerare se vuoi...

      Elimina
  3. Quindi non e' detta che con bimbi al seguito non ci possa andare anch'io!!! Forse e' l'unica meta della perdizione che mi sono persa in gioventù!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anzi provaci... io Cookie lo porto ovunque, è faticoso, ma vivrei peggio non farle le cose...

      Elimina
  4. Un mio stretto parente ha vissuto lì due anni e mezzo ed io ho passato vari periodi suo ospite. Non ho mai frequentato coffee shop, non sono proprio il tipo interessato a quelle esperienze, ma ho visto i suoi musei e soprattutto ho girato in lungo e in largo le sue vie ed i suoi parchi, ho osservato il modo di vivere dei suoi cittadini e...me ne sono innamorata perdutamente!
    Ho trovato una città bellissima, che non ci si stanca mai di rivedere, un ambiente ordinato, efficiente, dove le persone hanno un forte senso civico e le strutture pubbliche hanno un gran rispetto dei cittadini, dove ci sono tanti giovani, dove le coppie giovani hanno già tre figli che trasportano sui loro carrettini attaccati alla bicicletta, dove c'è tanta semplicità.
    Se ci ripenso mi viene una nostalgia immensa ed anche il mio parente, che ha vissuto anche altrove all'estero in Europa, dice che la qualità di vita che ha trovato ad Amsterdam è la migliore che ha conosciuto finora.
    Mila

    RispondiElimina
  5. Un mio stretto parente ha vissuto lì due anni e mezzo ed io ho passato vari periodi suo ospite. Non ho mai frequentato coffee shop, non sono proprio il tipo interessato a quelle esperienze, ma ho visto i suoi musei e soprattutto ho girato in lungo e in largo le sue vie ed i suoi parchi, ho osservato il modo di vivere dei suoi cittadini e...me ne sono innamorata perdutamente!
    Ho trovato una città bellissima, che non ci si stanca mai di rivedere, un ambiente ordinato, efficiente, dove le persone hanno un forte senso civico e le strutture pubbliche hanno un gran rispetto dei cittadini, dove ci sono tanti giovani, dove le coppie giovani hanno già tre figli che trasportano sui loro carrettini attaccati alla bicicletta, dove c'è tanta semplicità.
    Se ci ripenso mi viene una nostalgia immensa ed anche il mio parente, che ha vissuto anche altrove all'estero in Europa, dice che la qualità di vita che ha trovato ad Amsterdam è la migliore che ha conosciuto finora.
    Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, Amsterdam è molto di più dei coffee shop e penso ci si viva piuttosto bene... pensa anche solo non dover girare in macchina...

      Elimina
  6. Io ci andrò a vivere tra 3 mesi... post preso e copiato nel mio blog :-) grazie per avermi ricordato quanto è bella la mia futura casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego, ma scusami e quale sarebbe il tuo blog? non ti sei firmata... :(

      Elimina
    2. ih ih ih, è che a volte su questa bacheca non mi prende il profilo wordpress. Comunque il blog è www.unavaligiapertre.wordpress.com!

      Elimina

commenti biscottosi...