venerdì 13 aprile 2012

Comunque volevo dirti che...

A tutte voi, che siete incinta  e che probabilmente siete messe sotto pressione da parenti, amici e conoscenti. Pressione su il tipo parto, l'alimentazione, il momento giusto per mettersi a riposo dal lavoro, e via dicendo. 

Ecco, io vi consiglio di non dare retta a nessuno, che non sia il vostro ginecologo. Tutto il resto sono dicerie, luoghi comuni, esperienze riportate solo a metà. Insomma, perle di saggezza all'incontrario. Perché poi, a parto fatto, vi ritroverete davanti ad alcune sorprendenti confidenze. Sentite come è andata nel mio caso...

...Io ho fatto un parto cesareo. Non l'ho scelto, per motivi fisici mi è stato consigliato. Per il bene mio e del mio Cookie. Ma non critico nessuno che scelga spontaneamente di sottoporsi a questo tipo di parto, anzi, purché sia una scelta informata.

Per mesi  non si sapeva bene a che tipo di parto sarei andata incontro e, indipendentemente dalla scelta, io avevo paura e tanta. Del dolore e, in particolare, dei tagli che avrei subito tanto nel caso del cesareo quanto del parto naturale. Trovavo quindi normale rivolgermi ai familiari e amici chiedendo consiglio. 

Peccato che il più delle volte mi veniva risposto 
"Che sciocchezza, è ovvio che il parto naturale è il migliore. Il parto cesareo crea tante complicazioni ed è pericoloso. E poi quel taglietto lì sotto durante il parto naturale, che vuoi che sia, ci siamo passate tutte, poi torna tutto come prima. Non ti preoccupare, non ci saranno conseguenze". 

E ancora 
"Il travaglio? Beh io sono stata 24 ore in travaglio e ho sopportato"... "E comunque non fare scene mentre soffri, cerca di mantenere un contegno".

Queste risposte non facevano altro che incrementare la mia ansia. Non trovavo comprensione. E per tutta la gravidanza mi sono sentita così.

Poi, tornata dalla clinica, ecco che mi si para davanti la verità, proprio da chi mi aveva rifilato le perle di cui sopra
"Comunque volevo dirti che alla fine ti è andata proprio bene che hai fatto il cesareo. Sì, si soffre, ma non è la stessa cosa. E poi almeno non ti hanno tagliata lì sotto. Mi hanno rovinata!"
 e
"Ancora mi ricordo il dolore che ho provato per quel taglio. Sono andata avanti per tanto tempo con quel dolore. Ti crea un problema." ..."La verità è che se non te lo fanno bene, e il bimbo non esce bene, ti rovinano pur di salvaguardare la nascita del piccolo!"

Ora, non avevo dubbi che un taglio, cesareo e non, avesse un impatto sul corpo della donna. La mia domanda è: perché non parlare con franchezza? perché tanta pressione?




12 commenti:

  1. non sai come capisco. Ieri mi hanno fissato un cesareo programmato tra 1 mese perchè la mia nn si gira. Ma fino all'ultimo suspance...e quindi ancora temo entrambi! Ma soprattutto mi irritano i racconti splatter delle altre, le ostetriche (giovani) che tra le righe ti lasciano intuire che la cosa migliore è il parto naturale senza epudurale, anche in un ospedale noto milanese..mi sono cadute le palle!!!! alla faccia degli slogan (ospedale senza dolore) prima, dopo e durante!! ps. intanto congratulazioni per il tuo dolce evento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono stata in bilico fino alla fine. Ma quando ho iniziato il travaglio ho preteso rispetto per me e per il bimbo. L'ostetrica voleva aspettare e pure il primario. Li ho caxxiati entrambi (sì pure il primario, ma con le contrazioni che partono subito a un intervallo di 2 min fai questo ed altro!!). Fortunatamente la mia ginecologa mi ha rispettato come ha detto che avrebbe fatto se si fosse resa conto che non avrei potuto fare il parto naturale. Le avevo chiesto di non farmi soffrire prima (invano) per poi lasciarmi al dolore dopo. E così ha fatto. Dopo meno di un'ora dall'inizio del travaglio ero in sala operatoria.

      Elimina
  2. Tutto sommato credo che ogni esperienza sia a se', ma sopratutto credo che non ci sia una ricetta che vada bene per tutte.
    A qualcuno va bene il cesareo, ad altre il parto naturale, a qualcuno nessuna delle due...ma da qualche parte il cucciolo deve pur uscire! :-)
    Cmq vada e' faticoso e stancante, ma credo meraviglioso e unico, se no non continueremmo a fare figli, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pienamente d'accordo. Ad ogni modo nemmeno il parto cesareo è una passeggiata, anzi, il post parto è piuttosto doloroso e ti fa sentire incapace di provvedere come dovresti al tuo piccolo.
      Come hai detto tu, non c'è una ricetta giusta e una sbagliata... siamo tutte un caso a se.

      Elimina
  3. Da un certo punto di vista è anche vero, secondo me, che troppa franchezza con una quasi mamma potrebbe anche non aiutare..insomma, ci sono tante cose che un po' di paura la fanno! Forse provare ad alleviare la tensione non è proprio come mentire.. Non so, dipende certo dallo spirito e dall'affetto con cui sono dette le cose. Io il male atroce dei punti alla mia amica al nono mese non l'ho descritto proprio nel dettaglio.. Ancora congratulazioni a voi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHHAH, brava eh! Capisco che forse è meglio ammorbidire i toni con alcune persone. Per me vale esattamente l'opposto. Io voglio sapere sempre a cosa vado incontro. Boh, mi calma. Che strano.

      Elimina
  4. Te lo sempre detto di non dar retta a nessuna....soprattutto perché alcune persone hanno hanno la tendenza ad esagerare....nel bene e nel male!!! Ogni esperienza è a se...ed è per questo che nonostante io ci sia già passata, non ti nascondo che un pò di ansia ce l'ho.....

    Comunque, qualsiasi sia l'esperienza che si vive non vi è dubbio che l'istante esatto in cui vengono al mondo i nostri figli sia il più bello di tutta la vita!!!!!

    Come ti senti? come va con cookie?

    Moonlitgirl

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, in piena ripresa. Ma è stato così dal momento in cui ho varcato la soglia di casa mia e ho potuto rallentare il ritmo. In clinica mi mettevano un po'sotto pressione tra allattamento e ripresa, ma sono stati molto molto efficaci.

      Elimina
    2. si capisco...a me quello che proprio non mi va...è passare quelle 2 notti in ospedale....vorrei poter tornare subito a casa mia!!!

      Leggendo i tuoi post, vedo che vai alla grande!!!

      Moonlitgirl

      Elimina
  5. Tu come sei andata con i dolori post operatori?
    anche io ho fatto il cesareo e non è vero che non si soffre. I dolori sono quelli di un'operazione è per me non è stata una passeggiata.
    Anche io ero terrorizzata dall'episiotomia perchè essere tagliata là sotto era una cosa che proprio non mi andava!
    Ho fatto anche sei ore di travaglio, ma a tutti quelli che mi chiedono se è doloroso rispondo che non è così insopportabile.
    Posso anche dirti di non ascoltare nessun consiglio sulla gestione del bambino, per me quelli sono stati peggiori rispetto alla gravidanza!
    io proprio quelli non li potevo sopportare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche per me è stato facile. Non è assolutamente vero che non si soffre, anzi!

      Il post parto del cesareo è doloroso!!

      Elimina
  6. il consiglio "migliore" è stato: cerca di mantenere un contegno... bah! Invece durante il parto naturale quello che devi fare è lasciarti andare, non opporre resistenza a nulla, essere aperta mentalmente e fisicamente!
    Cmq condivido tutto quello che hai scritto!

    RispondiElimina

commenti biscottosi...