lunedì 9 settembre 2013

allo specchio

Ve la butto lì. 

Ma voi, dico voi con prole al seguito, sì le mamme insomma, vi guardate mai allo specchio qualche volta con l'impressione di non riconoscervi del tutto?

Mi accade ultimamente quando mi preparo per uscire. Per qualsiasi occasione. Non importa. 

Mi trucco, mi sistemo i capelli, mi vesto. Non so perché ma ultimamente invece di 2 ore per scegliere cosa mettermi ce ne impiego 1. Sempre tanto ma in via di miglioramento. Sarà che l'altra la impiego a preparare Cookie. Mi dicono che le femminucce siano più esigenti in fatto di vestiti sin da piccole. Forse (per ora) mi è andata bene va, se no una Cookina si sarebbe presa entrambe le mie ore e saremmo sempre in ritardo.

Comunque, senza divagare. Io mi vesto e mi metto davanti allo specchio. Ed è lì che succede l'alienazione.

Mi guardo i capelli e mi dico: "ma perché non sono più come prima? Odio questo taglio". 
Peccato che la forma e il colore siano sempre gli stessi. Da almeno due anni. E quindi ante Cookie.

Poi passo al viso e vedo tante piccole rughine intorno agli occhi. E penso che prima non c'erano. Non erano lì, ero più distesa. No, letteralmente più liscia in viso.

Il momento che mi lascia più delusa è quando passo a criticare controllare come mi sono vestita e mi dico: "certo che ho perso proprio un po' di smalto. Un po' di fantasia". 
Anche se in verità non sono poi così diversa nei gusti e nell'approccio alla moda. Che come per ogni donna (o quasi) è una vera passione.

In realtà, non mi riconosco e basta. Sento di essere in un modo dentro e non vedo quell'immagine nello specchio che mi riflette. 

Mi dico che è un'impressione. Torturo il mio Lui per sapere se è così. Ma non mi do pace.

Che poi ad essere chiari, non vorrei essere quella che ero prima. Prima di Cookie, prima di Bruxelles, perché quella non mi piaceva e fortunatamente era solo in transito. 

Ma non riesco nemmeno a riconoscermi in quella che sono in quello specchio. Come se non riuscissi a tradurre nell'apparenza quei cambiamenti che sto vivendo interiormente. Che mi rendono più attiva, più forte, più determinata. Più serena di un tempo. 

E non quella faccia un po' stropicciata che mi riflette su quel vetro. Quella non mi rappresenta più.

Che abbia solo un pessimo specchio?
   

12 commenti:

  1. O un pessimo specchio o una pessima opinione di te. Non puoi essere puoi così male dai....

    RispondiElimina
  2. Io ho la stessa impressione, ma in un momento diverso. Forse perché al mattino mi preparo un po' di fretta, con un mostro che mi gira intorno e con le mani perennemente tra le mie cose cercando di usarle o di romperle, e allora allo specchio mi ci guardo poco. Io quest'impressione ce l'ho la sera, quando tutto finalmente tace e mi posso specchiare con calma. E allora noto il trucco che si è rovinato chissà quando, i capelli che sono messi li in qualche modo, le occhiaie che fanno capolino dal correttore ormai sbiadito.. Poi ci penso e dall'ultima volta che mi sono guardata allo specchio mi rendo conto che sono passate almeno 14 ore..e che prima non succedeva mai che passasse tutto quel tempo. E ora, che ho anche il microbo, noto con arrendevole orrore le macchie di latte sul vestito o sulla maglia. E un po' mi deprimo, lo ammetto.
    Perché mi sento sgualcita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sgualcita, stropicciata, macchie di latte, delle manine sporche. Insomma, non ci riconosciamo più... dice che passa... speriamo. Intanto tanta solidarietà.

      Elimina
  3. Hai un bambino ancora piccolo, è normale che tu fatichi a riconoscerti. O se non è normale, almeno a me è capitato. Volevo tornare quella di prima, ma "quella di prima" nello specchio non c'era più, anche se si vestiva e si pettinava uguale. Poi non so cosa sia cambiato, o quando. So che questa fase poi è finita, e ora che di figli ne ho due e son successe tante cose e io sono cresciuta, quando mi guardo allo specchio ci vedo una donna matura e felice. Questo mi basta. Sono sicura che guarderai anche tu allo specchio con rinnovato entusiasmo. Prima di quel che pensi. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi rincuora molto che sia solo una fase. Ti ringrazio per le tue parole... baci

      Elimina
  4. non saprei nel tuo caso, nel mio mi sono sentita un cesso per i primi 10 mesi dopo la nascita di bea, dopo ali ero gia' a posto con la mia immagine al ritorno dall ospedale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici che devo farne un altro per sentirmi bene??? ;)

      Elimina
  5. La tua vita e' cambiata in tante cose non solo perche' il tuo corpo ha creato qualcosa di incredibilmente magico come un altro essere umano, ma anche perche' vivi in un luogo diverso. Mi sembra di capire che a te Bruxelles piace molto, pero' non ti devi dimenticare che sei nel Nor Europa, dove il sole non batte come in Italia, dove l'aria che respiri e' diversa etc. E poi le notti senza dormire bene sono una cosa terribile per le rughe :). Io mi piaccio di piu' adesso che ho 14 anni in piu' dalla nascita della mia prima figlia, perche' adesso le notti mi faccio un sonno tutto di fila...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio forse come aria a BXL ci ho guadagnato, cmq hai ragione: saranno una serie di cose che tutte insieme mi fanno vedere peggio...

      Elimina
  6. a me capita, ma la verità è certi cambiamenti forse sono più difficili da metabolizzare anche se noi allo specchio le vediamo. Non so, io ho questi momenti spesso ed altri che mi adoro, forse siamo tutte così ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero di adorarmi presto allora!!! intanto ti ringrazio per la menzione del tuo post!!

      Elimina

commenti biscottosi...